Prodotti
Esperienze
Dietro le quinte di uno scatto notturno con Alberto Ghizzi Panizza e Laowa 14mm f/4 DSLR
Scomposizione di una libellula con Marco Colombo
Ritratto con Laowa Macro 50mm f/2,8 2X APO con Ugo Baldassarre
Continua...
Novità
EISA premia Laowa Argus 33mm f0.95 e 15mm f4.5 Zero-D Shift
Immagini in anteprima da Laowa 25mm f2.8 Ultra Macro 2.5-5x
Svelate le caratteristiche del nuovo Laowa 12mm ZERO Distortion
Immagini in anteprima da Laowa 12mm ZERO Distortion!
Continua...
Dietro le quinte di uno scatto notturno con Alberto Ghizzi Panizza e Laowa 14mm f/4 DSLR
()

Collaboro con Image Consult e Laowa ormai da diversi anni e più precisamente dall’introduzione di un paio delle loro prime ottiche: il 60mm macro 2:1 e il 15mm shift macro 1:1. Due ottiche con qualche difetto di gioventù ma veramente innovative.
Da allora non ho più smesso di seguire questo brand che ha costantemente migliorato i suoi prodotti facendo dell’originalità delle sue ottiche il punto di forza del suo successo.

L’ultima ottica che ho ricevuto in prova è il Laowa FF 14mm f4.0 Zero Distortion C&D-Dreamer, un ultra-grandangolare full frame da 115° di angolo di campo diagonale dedicato al mondo reflex.
Laowa non ha trascurato gli affezionati di questi sistemi nonostante il mercato si stia indirizzando al mondo mirrorless. È disponibile sia con attacco Canon EF che per Nikon F. Per i possessori di mirrorless può essere tranquillamente utilizzata con gli adattatori come ho provato io stesso con il sistema Z di Nikon.

L’ottica è completamente manuale nella versione per Nikon mentre per Canon ha la CPU per impostare il diaframma dal corpo macchina e per riportare i dati EXIF. Con le Nikon quindi meglio impostare il tipo di ottica dal menù “Obiettivo senza CPU” per riportare i dati di scatto corretti sia in fase di scatto che negli EXIF.
Il peso è di 320g, è piuttosto compatta per essere un 14mm e la costruzione è di elevata qualità. I materiali sono tutti metallici, paraluce incluso. Solo tappo frontale e posteriore sono in plastica. È stato chiamato C&D-Dreamer per l’assenza quasi completa di distorsioni e aberrazioni. Anche la nitidezza dal centro ai bordi è molto elevata.

La lente è curata in ogni punto di vista a partire dalla confezione. L’interno di questa è riempito con gommapiuma con la sagomatura della lente per una massima protezione.
L’apertura va da f/4 a f/22. La distanza minima di messa a fuoco minima è di 0.14 cm con un rapporto di riproduzione massimo 0.3X. L’ottica è quindi particolarmente adatta per riprendere soggetti a distanza molto ravvicinata e per la macro ambientata.
Il focus breathing, cioè il cambio di angolo di campo inquadrato con il cambio di messa a fuoco è minimo fino a 0.27 cm e comincia ad essere più marcato solo sotto a questa distanza. Si può notare quindi solo tra 0.14cm e 0.27cm. L’ottica è quindi ottima per i videomaker e per gli amanti dei focus stacking.


Lo schema ottico è composto da 13 elementi in 8 gruppo e comprende due lenti ED e due asferiche. Il diaframma è a 5 lamelle e produce una bella stella a 10 punte sui punti luminosi già a partire da f/5.6.
Molto interessante anche la dimensione della filettatura per i filtri di solo 67mm.
Sul barilotto dell’ottica sono presenti: la ghiera di selezione dei diaframmi con il click tra un diaframma e l’altro; la fluida ghiera di messa a fuoco ed una insolita terza ghiera che consente di calibrare la posizione dell’infinito.
Una funzione molto utile per ottenere la posizione di infinito precisa alla fine dell’escursione della ghiera di messa a fuoco. La luminosità massima è f/4 quindi non è l’ideale per la fotografia notturna, ma con macchine recenti come con la D850 e la Z6II su cui l’ho testata è stata in grado di produrre ottime immagini anche astronomiche.
Alla fine rispetto ad un più luminoso f/2.8 dovrò solo raddoppiare gli ISO per avere la stessa luminosità. Ho scattato quindi diverse foto alla Via Lattea e al cielo stellato utilizzando ISO3200 rispetto a ISO1600.
Visto comunque l’ottimo comportamento a tutta apertura le immagini prodotte mi sono piaciute anche in un campo fuori dalla sua “comfort zone”. Questa dà il suo meglio con il paesaggio diurno e l’architettura, ma come dicevo prima non disdegna nemmeno la macro.



Ho utilizzato l’ottica negli ultimi 15 giorni e mi sono trovato sempre molto bene anche in situazioni molto difficili come la fotografia di paesaggio notturno con le lucciole. Ho scattato parecchie foto di architettura sia in luce diurna che al tramonto ed ho trovato davvero ottima l’assenza di distorsione. La ridottissima distanza minima di messa a fuoco consente di fare inquadrature molto originali sfruttando oggetti in primissimo piano.

Di negativo ho trovato una resistenza ai flare prodotti nei controluce inferiore rispetto ad altre ottiche anche della stessa Laowa. Il paraluce inoltre non può essere montato al contrario quando si ripone la lente nello zaino e un po’ di vignettatura quando si utilizzano filtri non slim.
Ottica per me promossa a pieni visto anche il prezzo al pubblico di €499+IVA.



La foto che ho scelto tra le varie che ho scattato con questo obiettivo è una notturna scattata al Castello di Torrechiara in provincia di Parma in una calda serata di giugno. Nonostante il molti credano che un’ottica f/4 non sia abbastanza luminosa per una notturna in realtà si può tranquillamente utilizzare semplicemente allungando il tempo o alzando gli ISO di uno stop.

Sono stato molte volte a scattare foto alle lucciole ma quest’anno ne ho trovate davvero tante. Queste dopo il crepuscolo hanno iniziato a rischiarare il sentiero che dai campi conduce al castello. Ero da solo con la mia fotocamera a scattare in mezzo al silenzio e allo scintillio di migliaia di lucciole. Questa circostanza mi catapultato in una situazione davvero magica e quasi surreale.
Come rappresentare al meglio questa emozione e questa magia? La cosa più semplice, come avevo già fatto in altre situazioni, sarebbe stato quello di fare una lunga o lunghissima esposizione, in genere con il diaframma a tutta apertura, per catturare un numero molto elevato di lucciole. Queste nei loro tragitti volano lampeggiano creando piccole scie di luce che vengono moltiplicate durante l’esposizione grazie ai loro spostamenti.


Quindi più si sta a scattare e più lucciole verranno catturate. Il problema è che in questa situazione facendo un’unica esposizione, ad esempio di 20 minuti, il castello che è illuminato con dei fari sarebbe completamente bruciato e avrebbe creato al centro del fotogramma un alone di luce irrecuperabile anche in post produzione. Ho preferito così fare una serie di una quarantina di esposizioni da circa 30 secondi ciascuna.

Per unirle ho semplicemente usato il programma Starstax, programma freeware, che è lo stesso che uso per gli startrail. Infine sul campo ho realizzato un bracketing di esposizioni per recuperare tutte le luci e le ombre della scena. Il passaggio finale in post produzione è stato quello di unire l’HDR, creato grazie al brackenting, con la foto delle scie delle lucciole montata da Starstax. Potevo fare un maggior numero di esposizioni per aumentare il numero di lucciole e ottenere delle scie stellari più lunghe. Ma dopo una mezz’ora di buio è uscita la Luna, quasi piena, che avrebbe creato troppo contrasto e reso la luce delle lucciole meno visibile.



Alberto Ghizzi Panizza è un fotografo professionista, Global Ambassador Laowa, testimonial Nikon Europa, Nikon School Master ed ESO Photo Ambassador.

Nato a Parma nel 1975, ha ereditato la vena artistica dal nonno pittore naives e dal padre fotografo amatoriale. Fin da bambino disegna e dipinge avvicinandosi alla fotografia a pellicola già in gioventù. Grandissimo appassionato di tecnologia e computer è un precursore della fotografia digitale.
Quello che nasce come un semplice hobby cresce negli anni successivi diventando un punto cardine della sua vita.

Ha ricevuto più di cinquanta premi nazionali ed internazionali e realizza costantemente workshop, corsi, mostre e conferenze in tutto il mondo.

Riconosciuto come uno dei migliori fotografi italiani realizza corsi e workshop sia collettivi che individuali. È docente per la Nikon School e per Digital Camera School. Collabora con svariate agenzie fotografiche internazionali; pubblica foto e articoli su numerose testate italiane ed estere sia per il web che cartacee.